La Stenografia

Unione Stenografica Italiana Sistema CIMA

 

     

Seconda lezione

 
     La vocale i preceduta dalle consonanti p, b, c, g, f, v, n, m, t, d (quindi escluse le consonanti r, l, s, z, e i segni ch, gh e gn) si omette, ma la vocale o la consonante che seguono non si fondono con la consonante precedente, ma ad essa si uniscono con angolo acuto.

Trascrivere le seguenti frasi, alcune delle quali possono essere giudicate anche stupide, ma occorre considerare che nella formulazione di esse si è fatto ricorso a vocaboli che non implicassero l’uso di regole che verranno esposte nelle lezioni successive:

1) La biada piace al cavallo 2) La bicicletta è gialla 3) Il gallo beccò i chicchi 4) Il cibo è liquido, il gelato è solido, ma in pochi minuti si liquefà 5)Il ciclo vitale è finito 6) I monaci hanno il cilicio 7) Quell’amico è cinico 8) Fu citato da un amico 9) Quel popolo è molto civile 10) Quella clinica è pulita 11) Diffida degli amici 12) E' molto veloce nel digitare 13) Mi dimetto da deputato 14) L’hard disk è di dieci giga 15) Il divo è molto noto e disinibito 16) Il dito è livido e tumefatto 17) Il fido è alto 18) Finì il fiato 19) I figli sono piccoli 20) Il disco è finito 21) Il ghibli è gelido 22) Il glicine è molto bello 23) La scimmietta imita tutti 24) Il cavallo libico è veloce 25) La lite fu vivace 26) Evitiamo i lipidi 27) Litigò con tutti 28) Il micio è dolce e mite 29) Il milite ignoto è di tutti 30) E’ uno spettacolo mimico 31) L’uccello va nel nido 32) Il nemico fece la pace 33) Lo stile è tutto 34) Stillò le gocce 35) Quell’atto fu molto vile 36) E’ un bel tipo 37) Vide la luce 38) E’ atto tipico fra vivi 39) La luce è vivida 40) Il nido è alto.

     Leggere:

     

     

     

Lezione terza